Tenuta Antonini

Tenuta Antonini

Chi Siamo

Tenuta Antonini è una giovanissima cantina che affonda le sue radici lontano nel tempo e lungo il suo percorso sembra ricomporre un antico disegno.

È la storia di una famiglia, ma anche la storia del nostro paese dal dopoguerra ai nostri giorni.

Fu il signor…….Antonini, bisnonno dell’attuale amministratore Alessio, ad acquistare i primi dieci ettari di terreno della tenuta al suo ritorno dagli stati uniti, dove era emigrato nel dopoguerra nella speranza di un lavoro.
Investì così tutto ciò che era riuscito a guadagnare nella consapevolezza, dopo le sofferenze della guerra, di quanto fosse importante la terra per la sussistenza dell’uomo.

Morì all’inizio degli anni sessanta quando ormai l’industria aveva preso il sopravvento rispetto all’agricoltura. Fu suo figlio Luigi che continuò a curare i terreni ereditati dal padre impiantando ulivi e altre colture, sebbene senza remunerazione alcuna se non quella di conservarne la bellezza.

Suo figlio Marco, continuò l’attività del padre con lo stesso rispetto.
Iniziò a lavorare per un’impresa edile ma dopo poco il titolare decise di trasferirlo presso un’altra delle sue aziende: la cantina ‘’Villa Pigna’’ che ha diretto per venti anni.

Il 2003 è un anno ricco di ‘’coincidenze’’. Marco fonda la sua azienda, per continuare a lavorare nel settore vinicolo come libero professionista, riuscendo a creare una florida impresa di intermediazione. L’unico rammarico fu quello di non essere riuscito a condividere tale gioia con il papà scomparso proprio in quell’anno.

Anche per il nostro territorio il 2003 è un anno importante: nasce la DOCG Colline Teramane, la denominazione di origine controllata e garantita che tutela i vini del territorio… proprio dove sono situati i terreni della Tenuta.
Marco procede con successo la sua attività imprenditoriale che una decina di anni più tardi lo porterà a commercializzare una linea di vini a proprio marchio ‘’Masseria la Volpe’’, che sebbene solo nominalmente lo riportano alla sua terra: il nome di questa linea di vini infatti è il nome di una delle particelle catastali della tenuta.

Pochi anni dopo suo figlio Alessio entra a far parte dell’azienda e legato da un profondo affetto per suo nonno Luigi, trascorre molto tempo nella tenuta ormai circondata da splendidi vigneti, cominciando a coltivare il sogno di realizzare la sua cantina, acquistando insieme a suo padre ulteriori terreni limitrofi e cominciando ad impiantare i primi vigneti della sua azienda agricola. Oggi la cantina della Tenuta Antonini con i suoi 30 ettari è finalmente diventata realtà, grazie a uomini che hanno sempre creduto nel valore della terra, dei suoi frutti e nella bellezza del nostro territorio.