P.121

Intenso ed etereo

Ad un rosso si chiede di essere caldo, di ispirare passione, di presentarsi corposo, rotondo, importante. Tutte caratteristiche che definiscono il Montepulciano d’Abruzzo, specie nella sua versione DOCG.
Dai vecchi vigneti collocati nei colli ancaranesi, le uve utilizzate per la produzione del P121 sono raccolte e selezionate a mano, espressione del carattere forte ed intenso del nostro territorio.
Per l’invecchiamento, viene posto a riposare in tonneaux di rovere, affinché il legno rilasci profumi e sentori unici.
Da perdersi in un sorso.

Disponibile su

Montepulciano D’Abruzzo D.O.C.G.

Vecchi vigneti, nei colli ancaranesi, allevati a filari guyot

I terreni hanno caratteristiche morfologiche varie e composite con forte presenza di zone calcaree ricche di galestro e argillosi; si trovano a un’altitudine di 294 metri s.l.m., con esposizione a Ovest/ Sud-Ovest

4700 ceppi/Ha
Uve esclusivamente raccolte a mano e poi selezionate. Pressatura e diraspatura delle uve molto soffice e successiva fermentazione in acciaio a temperatura controllata
Il vino viene posto in Tonneau di rovere Francese a media-alta tostatura, successivamente viene preparato per l’imbottigliamento per poi effettuare un ulteriore affinamento in bottiglia
Colore rubino intenso, con lievi sfumature violacee, tendenti al granato con l’invecchiamento. I profumi sono quelli dei frutti rossi, e al naso il vino è intenso ed etereo. Al palato sapore dei vini è secco, giustamente tannico, armonico e vellutato.

Proposta abbinamento e Consigli per il servizio

Il P121 al palato è secco, giustamente tannico, armonico e vellutato. I profumi sono quelli dei
frutti rossi e al naso è intenso ed etereo.

È un vino dalla buona complessità organolettica e, come il più classico dei Montepulciano d’Abruzzo, è perfetto per arrosti, selvaggina e cacciagione.

La temperatura di servizio consigliata è tra i 18° ed i 20°: permette di apprezzare bene tutte le note di questo vino, invecchiato in tonneaux di rovere francese.